SALA VIRTUALE

CENTO, Fe

FERRARA

<< Torna all'archivio delle news


31 Marzo 2022


Cinema, Franceschini: "Cerchiamo di estendere finestra di 90 giorni tra sala e streaming"

Il ministro della Cultura Dario Franceschini ha intenzione di rivedere e ampliare il decreto che limita la diffusione dei film in streaming prevedendo una finestra temporale obbligatoria tra l'uscita in sala e la messa a disposizione del titolo sulle piattaforme.

"Ho già firmato il decreto che prevede 90 giorni nelle sale prima di andare sulle piattaforme - ha detto Franceschini - Questo vale da sempre in Italia per i film italiani che hanno avuto contributi pubblici. Ora stiamo lavorando, un po' come hanno fatto in Francia, per immaginare una norma che estenda" la finestra "anche a tutti i tipi di film, italiani e non italiani".

 "Molto si è fatto per la cultura e per il cinema in questi ultimi anni", ha aggiunto Franceschini  che  è intervenuto oggi al convegno Anica "La fabbrica delle immagini non si ferma", ricordando i 150 milioni stanziati nel 2014 diventati 750 nel 2022 e norme come il tax Credit. 

I DATI DEGLI INCASSI NEGLI ULTIMI 4 ANNI

Secondo i dati diffusi durante il convegno, gli incassi del settore tra box office e indotto di bar e eventi sono stati di 250 milioni nel 2020 e di 225 milioni nel 2021. Nel 2019, prima della pandemia, si era sfiorato il miliardo complessivo con 920 milioni di euro. Per il 2022 la stima è di una ripresa lieve, con 370 milioni. "Bisogna ricostituire un rapporto con lo spettatore, è una scommessa", ha detto Marta Donzelli, produttrice e presidente della Fondazione centro sperimentale di cinematografia.

"STREAMING VA ACCOMPAGNATO, NON CONTRASTATO"

Il settore, ha spiegato il direttore delle strategie settoriali e impatto di Cassa Depositi e prestiti Andrea Montanino, comprende 9mila imprese che generano 65mila posti di lavoro e un fatturato di 13 miliardi euro, il dieci per cento totale europeo. L'85 per cento delle imprese fattura perà meno di un milione di euro e soltanto il due per cento supera i dieci milioni. Secondo Montanino il settore sarà trasformato dal cambiamento della domanda: "Un sondaggio ci dice che il 54 per cento degli italiani preferisce vedere i film a casa, il 13 per cento al cinema, è un elemento che va accompagnato e non contrastato. Millennials e premillennials preferiscono lo streaming, sono loro che determineranno la fruizione". 


Prenotazioni telefoniche Cineplus Comacchio
Martedì rosa Cinepark Multisala Comacchio
Promozione mercoledì Cinepark cinema Multisala Comacchio
Promozione cinema pizza Multisala Comacchio
14 Giugno 2022
Dentro o fuori dalle rassegne riscuotono spesso un buon successo, ma proiettarli può essere complicato soprattutto per questioni di diritti [leggi]
18 Maggio 2022
"Serve un nuovo Chaplin che dimostri che il cinema di oggi non è muto", ha detto Zelensky nel collegamento [leggi]
04 Maggio 2022
Tutti i vincitori e i momenti che ricorderemo dell'edizione numero 67 dei David di Donatello [leggi]



*Servizio erogato il collaborazione con WebTic, attivo dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle ore 21.00, la domenica dalle ore 10.00 alle ore 20.00.
Costi del servizio Call Center: il costo della chiamata da rete fissa è di € 0,96 al minuto con addebito alla risposta di € 0,12. Prezzi IVA inclusa. Per l'accesso da rete fissa potrebbe essere necessario richiedere l'abilitazione chiamando il numero clienti del proprio gestore telefonico. Per cellulari verificare il proprio piano tariffario (costo max € 1,41 al minuto, IVA inclusa). Non anteporre alcun prefisso al numero del Call Center indicato.